Casa a Manzano di Gino Valle

Casa a Manzano di Gino Valle

Cura del giardino

Artisti si incontrano

Questo giardino è l’involucro all’opera del architetto Gino Valle (Udine, 7 dicembre 1923 – Udine, 30 settembre 2003), una casa dalle linee moderne del 1965, dal colore rosso vinaccia, legame con sua terra. Massiccia ed imponente, alberi della sua età oggi bilanciano il suo troppo imporsi. Il restauro del giardino viene eseguito dal paesaggista Ruggero Bosco della “Botanica Santa Marizza”. Dentro ci mette il suo gusto delicato, ci riproduce un armonia vegetale tanto ambita. Si vive un sentimento di pace, lo sguardo è passeggiato di tenue sorprese in sorrisi inteneriti.

Il giardino, specchio di chi l’abita

L’armonia che emana dal giardino non tenta di nascondere le tante difficoltà che incontro nel coltivarlo ma le affronta. Vacillando di tanto in tanto lasciandosi colpire da uno squilibrio, lo vivrà però come parte naturale di un processo di crescita. Così come il loro giardino vive la famiglia che l’abita. La loro serenità non cerca di celare i loro dispiaceri ma li vivono superandoli con rispettosa calma. Spesso nel rapporto con i miei clienti essi mi regalano tratti del loro carattere che ammiro e faccio miei, qua una grande capacità di affrontare senza inferire.

Scopri anche….

Contrasti compositivi

Il mio debole per i contrasti trova qui un ottimo sfogo espressivo. L’affusolato slancio delle graminacee  si smorza, si addolcisce e si esalta  al cospetto delle ninfatiche fattezze del Nasturzio. Bianche nuvole di Euphorbia hybrid ‘Diamond Frost’  si staccano, sdegnate, dalla depravata cascata di Surfinia. Scoprire e approfondire il proprio gusto nelle composizioni floreali è un bellissimo viaggio.

Le mie potature

Qua su alloro trattenuto a 4-5 metri o su siepe, sempre di allori. In un giardino, e in particolare nelle siepi formali, chiediamo alle piante di non crescere quanto vorrebbero, di subire un obbligata promiscuità con le altre piante, di non accedere al nutrimento solare di cui avrebbero bisogno. Attraverso la potatura, attuando un dialogo, andrò a chiedere alla pianta di rimanere sana in una dimensione in cui non potrà soddisfare i suoi bisogni. Questa mia richiesta essendo conscia del sacrificio che impongo alla pianta riesco a coltivarla sana e vitale. Il fatto è che la pianta stessa decide di vivere con noi questo rapporto, questa relazione nella quale scambia la sua bellezza con le nostre cure.

                  

Una lagestroemia che si sbaciucchia

Questo fenomeno, chiamato ,quando due rami toccandosi sembrano fondersi l’uno nell’altro, saldarsi assieme, mi ha sempre affascinato. La prima volta l’ho osservato su una Clematide armandii, i peduncoli della quale, una volta attorcigliati attorno ad un ramoscello, si sono ricongiunti impedendo cosi lo staccarsi dall’appiglio. Sono rimasto tanto colpito da non crederci.

       

L’albero ripara dal gelo

Aralia – Fatsia japonica
In questo giardino che rappresenta per me una sfida continua con risultati a volte sbalorditivi, cresce questa rigogliosa Aralia. Anche se è vero che non teme il freddo, almeno fino al quasi gelo, la foto è stata scattata un giorno d’inverno con temperature di molto sotto zero. Lei però non sembra preoccuparsene protetta che è dalle chiome degli alberi. Un pino maritimo, un faggio, un ciliegio, una magnolia e un alloro le fanno da santoni in questo giardino affollato.

Se ne va pure in giro a procreare la coquine!!!

Sostenuto dalla crescita sicura della facile Aralia affronto qui, oltre all’affollamento delle chiome, tante difficoltà culturali, tutte occasioni per profonde riflessioni sul mestiere di giardiniere.

Sono felice realizzando giardini, falciando prati o curando alberi, il giardino è il luogo ove si liberano le mie aspettative, ove si offre…

Quale occasione più bella per me per raccontarvi tutto ciò che, in silenzio, la cura del verde mi ha insegnato in tutti questi anni. Una serata…

Propongo viaggi attraverso ciò che in silenzio lo spazio verde mi insegna. Finestra sul sito vi porto a passeggio per brevi o più approfondite…

Privacy & Cookie Policy

Indirizzo del sito web
L’indirizzo del sito web è: http://www.vandezande.it

Quali dati personali raccolgo e perché li raccolgo
I dati personali che raccolgo sono quelli che puoi inserire nel modulo di contatto, ovvero nome e indirizzo email. Tali dati vengono utilizzati per rispondere alle tue richieste inviate tramite modulo di contatto. Potrei inoltre inserirli in elenchi di contatti da usare in servizi di terze parti per consentire l’invio al tuo indirizzo di newsletter, per realizzare email marketing, social media marketing e promozioni online su altri canali analoghi. Comunque nomi e indirizzi email utilizzati presso tali servizi non verranno mai resi pubblici. In qualsiasi momento puoi chiedere la cancellazione dei tuoi dati, o l’aggiornamento, negli elenchi di contatti tramite l’invio di un email al mio indirizzo.

Commenti
Quando i visitatori lasciano commenti sul sito, raccolgo i dati mostrati nel modulo dei commenti oltre all’indirizzo IP del visitatore e la stringa dello user agent del browser per facilitare il rilevamento dello spam. Una stringa anonimizzata creata a partire dal tuo indirizzo email (altrimenti detta hash) può essere fornita al servizio Gravatar per vedere se lo stai usando. La privacy policy del servizio Gravatar è disponibile qui: https://automattic.com/privacy/. Dopo l’approvazione del tuo commento, la tua immagine del profilo è visibile al pubblico nel contesto del tuo commento.

Media
Se carichi immagini sul sito web, dovresti evitare di caricare immagini che includono i dati di posizione incorporati (EXIF GPS). I visitatori del sito web possono scaricare ed estrarre qualsiasi dato sulla posizione dalle immagini sul sito web.

Modulo di contatto
Il modulo di contatto viene utilizzato per permetterti di inviare email al mio indirizzo. I dati che vengono raccolti sono: nome del mittente, indirizzo email del mittente, oggetto dell’email e contenuto scritti dal mittente. I dati vengono conservati presso servizi di posta elettronica in rete e supporti locali protetti da sistemi di sicurezza aggiornati.

Cookie
Se lasci un commento su questo sito, puoi scegliere di salvare il tuo nome, indirizzo email e sito web nei cookie. Sono usati per la tua comodità in modo che tu non debba inserire nuovamente i tuoi dati quando lasci un altro commento. Questi cookie dureranno per un anno.

Se hai un account e accedi a questo sito, verrà impostato un cookie temporaneo per determinare se il tuo browser accetta i cookie. Questo cookie non contiene dati personali e viene eliminato quando chiudi il browser.

Quando effettui l’accesso, verranno impostati diversi cookie per salvare le tue informazioni di accesso e le tue opzioni di visualizzazione dello schermo. I cookie di accesso durano due giorni mentre i cookie per le opzioni dello schermo durano un anno. Se selezioni “Ricordami”, il tuo accesso persisterà per due settimane. Se esci dal tuo account, i cookie di accesso verranno rimossi.

Se modifichi o pubblichi un articolo, un cookie aggiuntivo verrà salvato nel tuo browser. Questo cookie non include dati personali, ma indica semplicemente l’ID dell’articolo appena modificato. Scade dopo 1 giorno.

Contenuto incorporato da altri siti web
Gli articoli su questo sito possono includere contenuti incorporati (ad esempio video, immagini, articoli, ecc.). I contenuti incorporati da altri siti web si comportano esattamente allo stesso modo come se il visitatore avesse visitato l’altro sito web.

Questi siti web possono raccogliere dati su di te, usare cookie, integrare ulteriori tracciamenti di terze parti e monitorare l’interazione con quel contenuto incorporato, incluso il tracciamento della tua interazione con il contenuto incorporato se hai un account e hai effettuato l’accesso a quel sito web.

Con chi condivido i tuoi dati
Dati quali nome e indirizzo email potrebbero confluire in elenchi di contatti inseriti in servizi di terze parti per consentire l’invio di newsletter, per realizzare email marketing, social media marketing e promozioni online su altri canali analoghi. I commenti dei visitatori possono essere controllati attraverso un servizio di rilevamento automatico dello spam. Comunque nomi e indirizzi email utilizzati presso tali servizi non verranno mai resi pubblici. In qualsiasi momento puoi chiedere la cancellazione o l’aggiornamento dagli elenchi di contatti tramite l’invio di un email al mio indirizzo.

Per quanto tempo conservo i tuoi dati
Se lasci un commento, il commento e i relativi metadati vengono conservati a tempo indeterminato. È così che posso riconoscere e approvare automaticamente eventuali commenti successivi invece di tenerli in una coda di moderazione.

Per gli utenti che si registrano sul sito (se presenti), memorizzo anche le informazioni personali che forniscono nel loro profilo utente. Tutti gli utenti possono vedere, modificare o cancellare le loro informazioni personali in qualsiasi momento (eccetto il loro nome utente che non possono cambiare). Gli amministratori del sito possono anche vedere e modificare queste informazioni.

Quali diritti hai sui tuoi dati
Se hai un account su questo sito, o hai lasciato commenti, puoi richiedere di ricevere un file esportato dal sito con i dati personali che ho di te, compresi i dati che mi hai fornito. Puoi anche richiedere che cancelli tutti i dati personali che ti riguardano. Questo non include i dati che sono obbligato a conservare per scopi amministrativi, legali o di sicurezza.

Come proteggo i tuoi dati
I dati che vengono raccolti sono: nome del mittente, indirizzo email del mittente, oggetto dell’email e contenuto scritti dal mittente. I dati vengono conservati presso servizi di posta elettronica in rete e supporti locali protetti da sistemi di sicurezza aggiornati.

Requisiti di informativa normativa del settore
I dati vengono trattati secondo il regolamento dell’Unione Europea in materia di trattamento di dati personali e privacy n. 2016/679 altrimenti conosciuto con la sigla GDPR.

Titolare del trattamento dei dati
Vandezande Philippe